Nuove creazioni in danza

“What if...I’m a Beard/Beer Woman?”: il nuovo progetto di Alessandra Gaeta

La performer palese propone una ricerca artistica incentrata sull'idea di 'passaggio'

Spettacolo
Palo del colle domenica 07 ottobre 2018
di Alessandra Savino
Alessandra Gaeta
Alessandra Gaeta © n.c.

“What if...I’m a Beard/Beer Woman?” è l’originale titolo della nuova performance firmata dalla danzatrice e coreografa palese Alessandra Gaeta. Un’idea su cui l’artista sta lavorando e di cui un primo nucleo è stato portato in scena venerdì 5 ottobre a Barletta presso “Azioni in danza”, iniziativa finalizzata alla divulgazione e promozione del teatrodanza sul territorio.

Un processo/progetto, così la Gaeta lo definisce, incentrato sul concetto di trasformazione tra vecchio, nuovo, corpo e oggetti, che individua nel 'passaggio' il fulcro principale della ricerca. Perché passiamo da una cosa all’ altra? Perché non ci accettiamo? In quale maniera dei miti prestabiliti possano diventarne altri?Partendo da questi primi interrogativi “What if...I’m a Beard/Beer Woman?” ha iniziato a prender forma.

‹‹Fonti del processo sono alcune immagini e foto da me raccolte, fonti accumulate nel tempo come il film FUR –un ritratto immaginario di Diane Arbus, foto d’epoca della ‘Donna barbuta’, il guinness word record Harnaam Kaur ora body confidence activist e modella. Punto di partenza della ricerca e voce della seconda parte del lavoro, il suo discorso al TEDx››. Con queste parole Alessandra Gaeta, racconta da dove nasce l’ispirazione per questa ricerca artistica, culminata in un altro quesito: perché la mutevolezza deve essere fissata in un'unica forma?

Di qui, spiega l'artista, ‹‹la necessità di provare a creare un set di lavoro che è già di per se la performance stessa››. Una performance, dunque, che vede il corpo immerso in più mutamenti in tempo reale perchè ‹‹non esiste una forma prestabilita di mutamento››. L’obiettivo dello studio è quello di dimostrare quanto siamo immersi in un flusso di informazioni che, alternandosi fra giudizio e sistematizzazione, possono essere annullate, sostenute o semplicemente denigrate.

Così la danzatrice palese, attraverso il suo corpo in movimento si fa portavoce di concetti sempre più attuali nella società contemporanea. E, nell’attesa che la terza edizione della rassegna di danza “A Maglie Larghe” apra i battenti, l’11 novembre, la Gaeta svela di essere stata selezionata per BJCEM - Association Biennale des Jeunes Créateurs de l'Europe et de la Méditerranée, nell’ambito del bando LANXSCAPE.

Lascia il tuo commento
commenti