Il film

​La Puglia pazza per “Il bene mio”. Mezzapesa: «Una porta aperta alla speranza»

Numeri da record per il primo weekend di programmazione. Il regista: «È un film sui confini da infrangere e sul senso di comunità da recuperare»

Palo del colle mercoledì 10 ottobre 2018
di Nicola Palmiotto
Pippo Mezzapesa
Pippo Mezzapesa © Nc

I cinque minuti di applausi e la standing ovation alla presentazione al festival del cinema di Venezia erano solo l’antipasto. Nel primo weekend in programmazione nelle sale “Il bene mio” del regista Pippo Mezzapesa ha letteralmente conquistato anche il pubblico pugliese. Nel fine settimana film ha totalizzato a Bari 2248 spettatori, a Lecce 867, a Bitonto 768, a Gravina (luogo in cui è stata in parte girato la pellicola) 563 e in tutte le città dove il film è stato programmato ha segnato una media di 350 spettatori per sala.

Insomma un capolavoro frutto di molte menti pugliesi a partire dal regista, da chi ha scritto il film e da chi lo ha recitato. Una pellicola che con molta umiltà riesce ad arrivare laddove sembra impensabile, soprattutto in questi tempi in cui una cappa nera ottunde l’anima di molti: toccare i cuori e aprire le porte alla speranza.

Mezzapesa dica la verità, quanto ci sperava in questo successo?
«La cosa piacevole è vedere la reazione del pubblico. Entusiasta, emozionata, commossa alla fine di ogni proiezione. Anche ritrovarsi a fare presentazioni in sale piene di gente è gratificante ed è un segnale che lascia ben sperare per l’immediato futuro di questo film, la cui fortuna dipende molto dal passaparola».

Uno dei momenti più toccanti durante il lancio del film è stata la proiezione a Amatrice. Che cosa le è rimasto di quella giornata?
«La temevo tanto, tantissimo. Perché il film racconta tematiche molto delicate e parla di ferite che ad Amatrice continuano a sanguinare quotidianamente. La proiezione ha avuto luogo nel “Nuovo Cinema Paradiso”, una vera e propria sala ricavata in un tendone in cui gli abitanti di Amatrice e dei comuni limitrofi si ritrovano. Questo ci fa capire come proprio il cinema possa far pulsare ancora il cuore di una comunità, possa avere un enorme potere aggregante. L’abbraccio della gente di Amatrice e la reazione commossa eppure piena di calore e speranza è stata una sensazione che non potrò mai dimenticare».

L'Huffington Post ha scritto che il suo film fa sperare "nel futuro del cinema e del Paese", una robetta da niente...
«Una dichiarazione forte, che però non può che gratificarmi. “Il Bene Mio” è un film sincero, in cui tutti noi abbiamo lasciato un pezzo di cuore. Un film che parla di resistenza, di coerenza e di ricostruzione e recupero della memoria come unica strada per comprendere se stessi e aprirsi al mondo. È un film sulle soglie fisiche e mentali che ognuno dovrebbe superare, sui confini da infrangere e sul senso di comunità da recuperare. Diciamo che è un film che lascia la porta aperta alla speranza».

Lascia il tuo commento
commenti