Apertura col botto

Al via ieri Rigenera Smart City - Il Festival delle Periferie

Teatro, danza, live painting e installazioni multimediali hanno accolto il pubblico della prima serata. Da stasera gli attesi concerti: in arrivo Motta e Cosmo

Cultura
Palo del colle venerdì 07 settembre 2018
di Alessandra Savino
Live Painting di Renzo Francabandera
Live Painting di Renzo Francabandera © Anna Franca Coviello

‹‹Tenetevela stretta Rigenera, perché ne ho visti di posti ma questo qui è davvero unico e va protetto››. Sono le parole di Michele Cremaschi, uno dei tanti ospiti di Rigenera Smart City – Festival delle Periferie che ieri ha aperto i battenti registrando, già nella prima giornata un boom di presenze.

E proprio Cremaschi è stato fra gli artisti a cui è stata affidata l’apertura di uno dei festival più attesi in Puglia, ormai da quattro anni, che fino al 9 settembre sarà di casa presso il Laboratorio Urbano Rigenera di Palo del Colle. Quest’ultimo ha varcato le sue mura inglobando le strade che lo circondano e rendendo quella periferia il centro di una movida che nulla ha da invidiare alle grandi città.

Una serata, quella di ieri, che ha regalato ad un pubblico attento e ricettivo, intensi momenti di attiva partecipazione culturale. L’inaugurazione del Festival delle Periferie si è, dunque, svolta all’insegna dell’espressione artistica fra teatro, danza, installazioni e live painting.

Grandi ‘ciambelle’ colorate sono giunte fra gli spettatori rievocando un’estate al mare appena lasciata alle spalle. Erano i salvagente portati in scena dalla performance site specific a cura del Collettivo Factor Hill che ha visto protagonisti i danzatori e coreografi Alessandra Gaeta e Mauro Losapio. “IN & OUT of Borders” il titolo di questo progetto che ha accolto il pubblico con una coreografia dolcemente approdata in platea al ritmo di musiche eseguite dalla MOH Urban Jam Orchestra. Performance interattiva che ha coinvolto, sulle note di una inconfondibile “Cumparsita”, alcuni spettatori in un animato e travolgente tango.

A seguire, uno spazio importante è stato riservato al teatro con lo spettacolo “Iliade” di Corrado d’Elia che ha trasportato gli animi degli ascoltatori fra quelle gesta cantate da Omero in uno dei suoi più grandi poemi, evidenziandone la mai tramontata attualità. Un racconto sentito, interpretato da un attore e regista capace di restituire al pubblico uno straordinario capolavoro epico facendo rivivere, attraverso la sua coinvolgente voce, i sentimenti che animarono eroi della storia.

A far da sfondo e dar colore all’Iliade, facendo appello oltre all'udito anche alla vista degli spettatori, un’originale live painting di Renzo Francabandera che ha saputo sfruttare la forza espressiva di vive pennellate dal cromatismo evocativo per dare volto al mito classico.

E prima di lanciare Rigenera dandole appuntamento ad oggi per l’inizio degli attesi concerti, con l’arrivo di Motta e Cosmo, il pubblico presente ieri sera non ha potuto far a meno di scoprire cosa fosse la grande 'scatola nera' installata nell’atrio del Laboratorio Urbano. “Geo – Happiness Measuring” è quello che si legge sull’ingresso di questa installazione, realizzata da Michele Cremaschi in occasione di Rigenera Smart City. Un titolo che evidenzia il carattere emozionale che è alla base di questo lavoro artistico che mira ad indagare il rapporto fra rappresentazione della felicità e raccolta dati partendo da un interrogativo: può l'arte misurare la felicità?

Un’opera interattiva multimediale che, attraverso la partecipazione del pubblico, propone una mappa emotiva della città. Entrando nella grande scatola nera un video che percorre le strade principali di Palo del Colle accoglie il visitatore che, spostandosi nel centro della struttura, si trova difronte ad un pianta del paese proiettata sulla parete. E’ qui che, puntando il proprio dito sulle strade e sui luoghi a cui sono legati i suoi ricordi potrà inserire una reazione attribuendo a quel punto sulla mappa un valore speciale.

Così, fra chi ha ricordato il luogo del suo primo bacio o quello in cui ha trascorso l’adolescenza, si sono chiusi ieri notte i cancelli di Rigenera pronti a riaprirsi questa mattina per accogliere, prima dei concerti, i vari talk e workshop in programma.

Lascia il tuo commento
commenti