Regione Puglia

Presentato il Rapporto Sant’Anna: «La sanità pugliese migliora»

Emiliano: «Siamo molto soddisfatti, invertito il trend, lavoriamo per migliorare ancora»

Politica
Palo del colle mercoledì 13 giugno 2018
di La Redazione
Sanità, presentato il Rapporto Sant’Anna
Sanità, presentato il Rapporto Sant’Anna © n.c.

La sanità pugliese registra la migliore percentuale di miglioramento dei risultati tra le regioni italiane monitorate dal Rapporto Sant’Anna.

«Anche quest’anno il sistema di calcolo delle performance sanitarie ci dice sostanzialmente che siamo sulla strada giusta e che il nostro sistema sanitario regionale è fortemente migliorato. Si tratta, peraltro, di un miglioramento non puramente formale, ma di un radicale avanzamento». Così il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, intervenendo ieri mattina, insieme al commissario straordinario dell’Aress, Giovanni Gorgoni, e agli esperti della Scuola Sant’Anna di Pisa alla presentazione del rapporto 2017 del “Sistema di Valutazione delle Performance dei Sistemi Sanitari Regionali, realizzato dal Laboratorio M&S della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, cui la Regione Puglia aderisce.

«Questi indicatori - ha proseguito Emiliano - ovviamente devono trasformarsi in percezione. La percezione è legata alla capacità di ciascuno di noi di spiegare quello che avviene e, soprattutto, di utilizzare appieno i mezzi che abbiamo a nostra disposizione. La strada è ancora lunga. Bisogna tenere conto che abbiamo fatto questi miglioramenti con un personale limitato, giacché non siamo stati ancora autorizzati dal Mef ad assumere nuovi profili. Mi auguro che il Ministero di Economia e Finanza ci consenta le assunzioni, che finora ci ha negato. La Puglia sta facendo quello che altre regioni fanno, ma con un personale sensibilmente inferiore. La nostra regione, ad esempio, fa numeri importanti con 15.000 addetti in meno rispetto all’Emilia-Romagna e con 800 milioni in meno di finanziamento del fondo sanitario nazionale».

I ricercatori del Laboratorio Management e Sanità (MeS) dell’Istituto di Management della Scuola Sant’Anna di Pisa hanno presentato prima a Venezia il 1° giugno i risultati 2017 del Sistema di Valutazione dei Sistemi sanitari regionali di tutte le Regioni partecipanti e oggi 11 giugno a Bari il dettaglio della performance per la Regione Puglia.

«Siamo stati per il secondo anno consecutivo - ha evidenziato il presidente della Regione Puglia - la regione che è migliorata di più in Italia. Questa cosa per noi ha grande rilievo: noi non potevamo prendere la sanità pugliese e scambiarla con quella toscana, ma dovevamo lavorare su quella che avevamo e migliorala. Quest’anno il miglioramento è ancora maggiore perché c’è una regola che vige in tutti i miglioramenti: più migliori, più questo trend accelera. Ovviamente, l’anno prossimo bisognerà fare uno sforzo maggiore per superarci ancora. Nel frattempo, però, dovremo fare le assunzioni in sanità. Io spero di avere le autorizzazioni ma, lo dico con rispetto e con garbo, qualora le autorizzazioni non dovessero arrivare, noi le assunzioni le faremo ugualmente, perché abbiamo i conti in ordine e il Mef capirà che con il bilancio in ordine e con le performance in crescita le assunzioni devono essere autorizzate».

«Avevamo già avuto recentemente - ha dichiarato il commissario Gorgoni - indicazioni di sostanziale miglioramento del sistema sia dalla griglia Lea che dal Programma Nazionale Esiti ma i dati si riferivano al 2016. Con il rapporto Bersagli il trend si conferma anche sul 2017, segno che il Servizio sanitario regionale si caratterizza negli ultimi due anni per notevole resilienza organizzativa e dinamismo creativo. E il tutto accade in un passaggio in cui le riforme più importanti - riordino ospedaliero, rete oncologica e programma cronicità - non sono totalmente a regime, per cui è lecito attendersi il consolidamento e l’ulteriore miglioramento delle performance. Va anche detto, a onore dei professionisti del settore, che il trend positivo è avvenuto a capitale umano pressoché invariato, ove non addirittura diminuito».

Istituita a partire dal 2008, la collaborazione volontaria tra il MeS, 10 regioni italiane (Basilicata, Calabria, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Lombardia, Marche, Puglia, Toscana, Umbria, Veneto) e le due province autonome di Trento e Bolzano ha permesso lo sviluppo e la condivisione di un sistema di valutazione delle performance dei sistemi sanitari regionali che si compone di più di 300 indicatori e che serve a controllare la capacità di miglioramento della gestione dei servizi sanitari, ossia l’appropriatezza, la qualità dei processi e l’efficienza delle aziende. Queste misure a confronto e rese pubbliche sono di supporto agli strumenti di governance a quelle regioni italiane che vogliono lavorare in trasparenza rendendo conto ai cittadini dei risultati conseguiti. «La richiesta di maggiore autonomia di molte regioni italiane - ha commentato Sabina Nuti, responsabile del Laboratorio Mes – Sant’Anna - deve accompagnarsi con un rinnovato impegno negli strumenti di misurazione dei risultati, nel confronto sistematico, nella pubblicazione dei dati. Noi come ateneo pubblico siamo onorati di supportare le regioni che aderiscono al network in questo percorso virtuoso e su base volontaria».

Ma quali sono gli elementi più significativi che emergono dall’analisi dei più di 100 indicatori di valutazione presenti nel sistema per la Regione Puglia? «I risultati 2017 – ha continuato la Nuti - presentano una percentuale di miglioramento nel 59 per cento dei casi, 13 per cento rimangono stabili e solo il 28% peggiorano. Quindi si tratta di una Regione che ha lavorato molto per migliorare la propria performance complessiva. Insieme a Veneto e Toscana risulta tra le regioni in cui gli indicatori migliorati sono oltre il 50% ma rispetto alle prime due la Puglia ha conseguito miglioramenti molto più consistenti riducendo in molti indicatori le differenze degli anni passati. Le aree che vedono i risultati più positivi in termini di miglioramento sono le vaccinazioni, la riduzione dell’ospedalizzazione inappropriata, il percorso oncologico e chirurgico ma anche la presa in carico della cronicità. Ancora critica la situazione relativa ai programmi di screening oncologico così come le dimissioni volontarie che pur presentano un miglioramento rispetto al 2016».

Diminuisce il ricorso potenzialmente inappropriato al setting ospedaliero: si contraggono le ospedalizzazioni per ricoveri ordinari acuti (che passano da 113 per 1.000 abitanti al 109 per 1.000) e soprattutto si contraggono anche i ricoveri ad alto rischio di inappropriatezza (da 204 per 10.000 abitanti a 172), così come le ospedalizzazioni pediatriche (da 15 per 100 a 14.6).

Aumenta l’efficienza dei processi ospedalieri: la degenza media per casistica di tipo chirurgico (calcolata a parità di complessità della casistica) passa da 0.3 giorni di eccesso (rispetto alla media delle altre Regioni) a 0.2.

Si registra un'apprezzabile tendenza positiva in riferimento al consumo di antibiotici sul territorio - concausa dell’ingenerarsi del fenomeno dell’antibiotico-resistenza: si passa da un consumo di 25 DDD per 1.000 abitanti/die a 23.6.

Esistono differenze significative tra le regioni? Certamente si, ma tutte, anche le migliori, quelle che hanno i bersagli più concentrati verso il centro ossia l’obiettivo, hanno ambiti di criticità e variabilità geografica evitabile all’interno del proprio territorio. La rappresentazione della performance con il “bersaglio” comunque è solo uno dei modi per rappresentare la performance a livello regionale e aziendale. Utili sono anche le mappe di performance in cui si considera da un lato la capacità di miglioramento e dall’altro i risultati conseguiti a confronto. Interessante è il caso della Puglia che pur con varie criticità ancora presenti sul bersaglio, nella mappa presenta un gran numero di indicatori in netto miglioramento.

In sintesi solo il confronto trasparente dei dati permette di individuare le priorità di intervento e indirizzare le strategie di azione. E su questo è stato svolto un lavoro prezioso dalle tecnostrutture regionali del network e dal team di ricerca del Sant’Anna che quest’anno hanno analizzato i risultati incrociando gli indicatori per affrontare le problematiche in ottica sistemica.

Lascia il tuo commento
commenti