Alla scoperta dei rioni

Rione san Sebastiano: l'antica cappella in onore della Vergine Assunta

Conosciuta anche come “Cappella della Santa” per aver ospitato il corpo di Santa Damaride

Cultura
Palo del colle martedì 13 febbraio 2018
di Marina Pace
Santa Maria Assunta
Santa Maria Assunta © Natale

In attesa del Palio del Viccio, rinviato a domenica a causa del maltempo, continuiamo la (ri)scoperta dei rioni di Palo, giungendo a quelli un po' più periferici. È la volta di rione san Sebastiano che prende il nome dalla “Cappella di San Bastiano fuor di Palo”, come viene citata in un documento del 1572.

Secondo gli studiosi l’antica chiesa fu eretta in onore della Vergine Assunta e di san Sebastiano verso il 1350, dopo l'attacco ad Auricarro delle truppe ungheresi e bitontine del 1349 dal quale i cittadini scamparono, rifugiandosi a Palo. Quella di cui parliamo non corrisponde all'attuale cappella, ma si tratta dell'edificio alla sua sinistra di cui si conserva la facciata cuspidata rivolta ad occidente. Su di esso si erge il campanile a due piani, addossato alla sezione superiore della nuova costruzione.

La nuova chiesa fu costruita nel 1882 poiché l'antica cappella risultava troppo piccola per ospitare i fedeli. La Confraternita di Santa Maria Assunta acquistò la casa adiacente alla cappella trecentesca per poter ampliare la chiesa che, in seguito alle modifiche, si presentava con facciata a mezzogiorno.

L'antica chiesa era conosciuta tra i cittadini anche come “Cappella della Santa” poiché aveva ospitato il corpo di Santa Damaride dal 1829 al 1842, prima che venisse trasferito nella cripta della chiesa di Santa Maria la Porta, dove ora è conservato.

Lo stemma del rione: diviso finalmente in due, nel lato sinistro, su sfondo rosso, due frecce gialle; nel lato destro, su sfondo nero, una macina di colore giallo.

Lascia il tuo commento
commenti