Dal 14 al 18 novembre

L’identità del paese custodita negli antichi mestieri

Le professioni tradizionali di Palo in mostra presso la Libera Università “Domenico Guaccero”

Cultura
Palo del colle martedì 14 novembre 2017
di La Redazione
Mostra fotografica
Mostra fotografica © n.c.

Parte oggi CinePalium Fest 2017 Intersecting Identities con un programma ricchissimo di proiezioni. Ma il festival non è solo cinema. La Libera Università “Domenico Guaccero” ha organizzato una mostra fotografica dal titolo “Il senso di una comunità: immagini degli antichi mestieri di Palo del Colle” richiamando il tema dell’identità.

La mostra, allestita presso la Libera Università in via Roma 11, è composta da 170 foto che illustrano quei mestieri tradizionali nei quali è facile identificarsi. Le immagini, tratte da “Mestieri di ieri. Dagli antieri agli artieri” della prof.ssa Carmela Dacchille, riportano alla memoria non solo professioni che hanno segnato la vita del paese, ma anche luoghi. Ad esempio via Torquato Tasso, dai palesi conosciuta anche come “u kǝrtigghjǝ dǝ la mammarǝ” (il cortile della levatrice); via Margherita di Savoia detta “la stradǝ dǝ Gìuànnǝ u sart”; c’è “u pazzèulǝ dǝ la uìuǝ” ovvero l’angolo tra corso Garibaldi e via Parini; o ancora via Roma “la fǝndanǝ dǝ mengozz”, via Carlo Alberto “u ark dǝ Salvìastrǝ u fǝrnarǝ” o atrio Tricarico “u ark da Marì Fǝlìscǝ”.

Ogni angolo di Palo è stato, negli anni, fortemente segnato dalla presenza dei suoi operai, artigiani, cittadini che ne hanno fatto la storia. Come osserva la prof.ssa Dacchille: «Questo perché la storia, come dice Bertold Brecht, non è fatta solo dai principi e dagli imperatori, ma è opera soprattutto di cuochi, maniscalchi, agricoltori, mietitori e banditori. Proprio come in questa ricerca-ricostruzione di una comunità dove tutti hanno avuto un loro posto e una loro dignità».

Ad arricchire l’esposizione le pubblicazioni della Libera Università: La tombola degli antichi mestieri, Le carte dell’appartenenza e quelle del “mercante in fiera” (Alla ferǝ dǝ mast’André), i libri sui mestieri scomparsi, su Archi e Madonne del borgo di Palo, sui giochi e gli intrattenimenti di una volta, sulle filastrocche e sui canti della tradizione popolare di Palo del Colle.

L’inaugurazione della mostra è prevista per oggi, 14 novembre, alle ore 17:00. Sarà possibile visitarla durante tutto il periodo del festival, dal 14 al 18 novembre, dalle ore 17:00 alle ore 20:00.

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette