Il caso

"Viaggio della speranza" dalla zona industriale alla provinciale Palo-Bitetto

Buche profondissime e asfalto dissestato minano la sicurezza degli automobilisti. A breve l'avvio dei "rattoppi"

Attualità
Palo del colle martedì 14 febbraio 2017
di Gennaro Totorizzo
La strada incriminata © PaloLive.it

Dalla zona industriale, passando per un ponte, uno stradone, una rotatoria e uno sterrato, per finire sulla provinciale 87 Palo-Bitetto. Nato come percorso alternativo, di recente costruzione, l'itinerario si è trasformato nel corso degli anni in un vero e proprio "viaggio della speranza", a causa della scarsa manutenzione al manto stradale. Numerose sono le buche ampie e profonde che occupano parte della carreggiata, soprattutto a ridosso del ponte. 

La strada è divenuta ancor più impraticabile a causa del continuo passaggio dei mezzi pesanti dell'Anas impegnati nei lavori di rifacimento della provinciale e della statale 96, e delle ultime precipitazioni atmosferiche. Le voragini rappresentano un rischio concreto per i mezzi che vi transitano, costretti ad una serpentina pericolosa per la tenuta stradale e per pneumatici e sospensioni. 

PaloLive ha chiesto chiarimenti all'assessore Vito Antonio Savino, essendo la strada di competenza comunale. 

«Ci sono zone che stiamo completando – ha spiegato – con delle risorse del Patto territoriale che si sono bloccate a causa dell'immondizia che abbiamo ritrovato. Nel tratto di nuova realizzazione eravamo partiti con i lavori ma, sbancando i materiali presenti sulla strada, si sono accumulati i detriti e c'è necessità di rimuoverli perchè non sono previsti dall'appalto, e verrà completato il tratto dalla rotatoria alla ferrovia. Per quanto riguarda la zona già realizzata il peggioramento della situazione si è avuto con il passaggio dei mezzi pesanti dell'Anas, quindi la stiamo sollecitando a prendere atto della situazione e a intervenire con una rifinitura dell'asfalto. In questo preciso momento, avendo queste cose tempi più lunghi, andremo a fare almeno gli interventi più importanti perchè dobbiamo garantire la percorribilità delle strade. Abbiamo deciso di mandare la società di manutenzione ordinaria e di chiudere almeno le buche più importanti»

Poco dopo ha annunciato: «Domani mattina (ieri per chi legge, ndr) la ditta della manutenzione ordinaria passerà da quelle parti per sistemare le buche». Ma al momento in cui scriviamo nessun intervento è stato ancora effettuato e le buche restano lì, in attessa della prossima "vittima". 

Lascia il tuo commento
Le più commentate
Le più lette